Privacy Policy

Dott. Stefano Cattaneo

Informazioni

                       

Dr. Stefano Cattaneo.
Nato a Lecco il 24 giugno 1979.
Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università Vita-Salute S. Raffaele di Milano nel
2004.
Abilitato all’esercizio della professione medica e iscritto all’Ordine dei Medici della Provincia
di Lecco dal 2005.
Specialista in Ortopedia e Traumatologia con il massimo dei voti e lode presso l’Università
degli Studi di Milano nel 2009.
Dal gennaio 2010 è Dirigente Medico presso la Struttura Complessa di Ortopedia e
Traumatologia dell’Ospedale Eugenio Morelli di Sondalo (SO), dove svolge attività clinica e
chirurgica nell’ambito dell’ortopedia e della traumatologia d’urgenza, con particolare
interesse per l’artroscopia dell’arto superiore (spalla e gomito). !
Nello specifico si occupa di instabilità gleno-omerale e di lussazione abituale della spalla, di
patologie della cuffia dei rotatori (rottura della cuffia, tendinopatia, calcificazioni), di
sostituzione protesica della spalla e impianto di spaziatore subacromiale. Si occupa inoltre
di artroscopia del gomito nel trattamento dell’epicondilite e per la rimozione di corpi mobili e
l’asportazione di osteofiti. 
Nel 2013 ha frequentato, in qualità di Visiting Fellow, l’Unità di Chirurgia della Spalla del
Centre Orthopédique Santy di Lione, sotto la supervisione del dr. Gilles Walch; nel 2009 ha
lavorato per tre mesi presso il Trauma Departement della Medizinische Hochschule di
Hannover, diretto dal Prof. C. Krettek.
Negli ultimi anni ha visitato per brevi periodi numerosi altri centri ortopedici con alta
specializzazione in chirurgia della spalla e del gomito, in Italia e all’estero.! !
Ha partecipato a numerosi corsi e convegni nazionali e internazionali in qualità di relatore e
docente.

04/06/2014 22:27

COMMENTI

  • Gilberto Ricci

    Confermo la grande professionalità del dott. Cattaneo, che ha operato d’urgenza mia moglie ad agosto 2019 per frattura scafoide mano destra con risultati d’eccelle.È un grande dispiacere che sia andato via da Sondalo: una grossa perdita di cui la sanità lombarda si è macchiata. L’ospedale Morelli non può essere chiuso perché rappresenta la salvezza per l’alta Valtellina.Politica scellerata quella dell’attuale governo regionale. C’è ne pentiremo tutti, lo abbiamo già visto con il disastro del Covid19 e della sua gestione disgraziata. Dobbiamo solo al sacrificio dei medici e degli infermieri se il disastro è stato meno grave di quello che poteva essere, non certo per l’assurda e scellerata politica di privatizzazione voluta dalla regione Lombardia.

    17/05/2020 01:31

Lascia la tua opinione

* campi obbligatori (l'indirizzo email NON verrà pubblicato)

Autore*

Email*

URL

Commento*

Codice*